Spida
schmuckelement

Numerose possibilità di supporto grazie all’AI

L'assicurazione per l’invalidità (AI) eroga prestazioni che vanno ben oltre la "semplice" corresponsione di una rendita. L'obiettivo supremo dell'AI è preservare il posto di lavoro svolto da una persona con l’ausilio di mezzi preventivi e reintegrare le persone che soffrono di limitazioni delle prestazioni. In linea con il principio dell’"integrazione prima della rendita", l'AI offre anche una vasta gamma di misure come p.es. il job coaching e la riqualificazione professionale.

Abbiamo qui raccolto per voi le informazioni principali riguardanti le prestazioni dell’AI per offrirvi la migliore panoramica possibile.

Rilevamento intervento tempestivi

La capacità al lavoro può essere limitata per motivi di salute. Se c'è il rischio che queste limitazioni persistano a lungo, l'ufficio AI dovrebbe essere contattato il più presto possibile, in forma di rilevamento tempestivo.

La fase di intervento tempestivo inizia con una richiesta all’AI. L'obiettivo è intervenire prontamente per contrastare un peggioramento dello stato di salute o per evitare che la persona interessata cessi completamente o parzialmente la sua attività lavorativa.

Trovate informazioni più dettagliate sulle due misure preventive nell’opuscolo informativo Rilevamento e intervento tempestivi.

Indennità giornaliera d’invalidità

Le indennità giornaliere vengono versate in forma integrativa mentre sono in corso le misure di chiarimento e integrazione da parte dell’AI. Hanno lo scopo di garantire il sostentamento della persona assicurata e dei suoi familiari durante il processo d'integrazione.

Il diritto alle indennità giornaliere matura al più presto dopo il compimento del 18° anno di età e cessa alla conclusione delle misure.

Non vi è necessità di presentare una richiesta per le indennità giornaliere. Infatti, gli uffici AI verificano automaticamente il diritto in concomitanza all'assegnazione delle misure di integrazione. Sono le casse di compensazione AVS a provvedere alla corresponsione delle indennità giornaliere.

Le indennità giornaliere dell'AI sono considerate reddito e, contrariamente alle indennità giornaliere per malattia e infortunio, sono soggette all’obbligo contributivo. Ciò significa che vengono corrisposte al netto dei contributi previsti dalla legge.

Il calcolo delle indennità giornaliere dell’AI si basa sul numero preciso di giorni di calendario. Il pagamento viene effettuato arretrato, ovvero p.es. agli inizi di giugno per il mese di maggio.

Trovate informazioni sui requisiti, sui tipi di indennità e ulteriori dati nell'opuscolo informativo Indennità giornaliere dell’AI.

Rendita d’invalidità

Hanno diritto alle prestazioni dell'AI le persone assicurate che, per motivi di salute, sono parzialmente o totalmente limitate nella loro attività lucrativa o nelle loro precedenti mansioni (p. es. come casalinga). La limitazione per problemi di salute deve essere permanente o perdurare per un periodo prolungato (almeno un anno).

Il diritto alla rendita sussiste solo se la capacità al guadagno non può essere ripristinata, mantenuta o migliorata tramite ragionevoli misure di integrazione.

Richiesta delle prestazioni AI
Le prestazioni dell'AI devono essere richieste il più presto possibile presso l'ufficio AI del vostro cantone di domicilio compilando il modulo di richiesta.

Trovate informazioni sui requisiti, sul calcolo della rendita e ulteriori dati nell'opuscolo informativo Rendite d’invalidità dell’AI.

Assegni per grandi invalidi

L’obiettivo dell’assegno per grandi invalidi è consentire alle persone disabili di vivere in modo indipendente. Questa prestazione serve a coprire le spese degli assicurati che, a causa di un danno alla salute, devono regolarmente ricorrere all’aiuto di terzi per compiere gli atti della vita quotidiana, far fronte alle necessità della vita o intrattenere contatti sociali. L’importo dell’assegno varia in funzione del grado di invalidità e a seconda che l’assicurato risieda in un istituto o viva al proprio domicilio.

Possono ricevere un assegno per grandi invalidi sia persone minorenni che maggiorenni. Si distingue tra l’indennità dell'AI e dell'AVS per le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria di pensionamento.

Potete richiedere l'assegno per grandi invalidi presso l'ufficio AI del vostro cantone di domicilio compilando il modulo di richiesta.

Trovate gli importi dell'assegno mensile per grandi invalidi e ulteriori indicazioni negli opuscoli informativi Assegni per grandi invalidi dell’AI e Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'AVS (punto 26).

Mezzi ausiliari

Gli assicurati dell’AI hanno diritto ai mezzi ausiliari di cui necessitano per poter continuare ad esercitare un’attività lucrativa o ad adempiere le mansioni consuete (p. es. come casalinga). Questo vale anche per i mezzi ausiliari necessari per lo studio, la formazione e l’assuefazione funzionale.

Gli assicurati dell’AI hanno diritto anche ai mezzi ausiliari di cui necessitano per condurre con la maggiore indipendenza e autonomia possibile la loro vita privata. Ne fanno parte i mezzi ausiliari che facilitano lo spostamento, i contatti con l’ambiente e l’ampliamento dell’autonomia.

Potete presentare la vostra prima richiesta relativa ai mezzi ausiliari presso l'ufficio AI del vostro cantone di domicilio.